Sensibilità dentale: cause e cura dei denti sensibili - Sorridi Magazine - Il Dentista Risponde
Sorridi è il magazine ufficiale dello Studio Dott. Ponchio Dentista Locarno. La missione del blog è promuovere la cultura della salute e del benessere della persona partendo dalla bocca. Un bel sorriso rende sicuri e ci permette di affrontare la vita con positività.
Sorridi, Studio Dott. Ponchio, Dentista Locarno, Consigli per la salute e la bellezza dei denti
15930
post-template-default,single,single-post,postid-15930,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,no_animation_on_touch,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
sorridi-ch-magazine-sensibilità-dentale

Sensibilità dentale: cause e cura dei denti sensibili

 

Sensibilità dentale, che fastidio!

Quello dei denti sensibili è un problema al cavo orale estremamente diffuso e spesso sottovalutato, che può trasformarsi in un vero e proprio incubo quotidiano.

Chi soffre di ipersensibilità dentinale si trova troppo spesso a fare i conti con brevi ma intensi mal di denti mentre mangia, beve, lava i denti o semplicemente respira aria fredda!

Quello che molti non sanno è che si tratta di una sofferenza assolutamente evitabile.

Scopriamo insieme quali sono le cause della sensibilità dentale e come affrontare il problema denti sensibili.

 

SOS sensibilità dentale?

Ti è mai capitato di avvertire un forte dolore ai denti mentre mangi un gelato o bevi acqua fredda?

L’ipersensibilità dentinale, ovvero il problema dei denti sensibili, si manifesta proprio con continue sensazioni dolorose brevi ma acute – non precisamente localizzabile su uno specifico dente – in seguito a stimoli termici, tattili o chimici:

  • denti sensibili al freddo o al caldo (cibi, bevande, aria)
  • denti sensibili ai cibi zuccherati o acidi (dolciumi, succhi di frutta, alcolici)
  • denti sensibili alle pressioni e al tatto o allo spazzolamento

Ecco perché non è difficile accorgersi del problema: quando si soffre di sensibilità dentale, anche semplici gesti e abitudini quotidiane possono diventare un incubo a causa del dolore.

 

Perché i denti diventano sensibili?

La sensibilità dentale si manifesta per via di un’esposizione della dentina. Questa rappresenta la struttura portante dei denti che circonda e protegge la polpa, ovvero il cuore delle terminazioni nervose del dente.

La dentina è uno strato del dente di per sé sensibile, poiché contiene minuscoli canali all’interno dei quali passano le fibre nervose che arrivano alla polpa.

Normalmente la dentina è ricoperta e protetta dallo smalto dentale e dalla gengiva alla radice. Ma, se lo smalto dentale si assottiglia o si ha recessione gengivale, la dentina si trova “esposta e scoperta” quindi reagisce a stimoli termici, tattili o chimici, provocando il dolore.

Ed ecco spiegato il motivo dei denti sensibili. Ma cosa porta all’esposizione della dentina?

 

Quali sono le cause della sensibilità dentale?

Dunque l’esposizione della dentina alla radice e l’assottigliamento dello smalto dentale provocano l’ipersensibilità dentinale. Vediamo adesso quali sono le cause di questi problemi e quindi dei denti sensibili:

  • Le infiammazioni alle gengive (gengivite, piorrea) possono provocare recessione gengivale
  • Una scorretta igiene orale (spazzolamento dentale eccessivamente energico o frequente, uso di spazzolini dalle setole troppo dure, dentifrici aggressivi) può intaccare lo smalto e renderlo più sottile
  • Il bruxismo (digrignare i denti abitualmente in modo involontario)provoca l’erosione dello smalto
  • Stesso effetto ha il consumo elevato di cibi e bevande molto zuccherate o acide
  • Anche alcuni disturbi, come disturbi alimentari, reflusso gastroesofageo o nausee gravidiche aumentano il rischio di ipersensibilità dentinale
  • I traumi dentali (abrasione, attriti)
  • Gli sbiancanti fai da te, se usati in modo improprio, possono provocare problemi e ipersensibilità ai denti. Al contrario, lo sbiancamento dentale professionale può aumentare la sensibilità dentale ma solo come effetto iniziale e transitorio
  • Ed infine, chiaramente, le carie e gli accumuli di placca e tartaro

 

Esistono rimedi e cure per i denti sensibili?

Al contrario di quanto molti credono, la sensibilità dentale è un problema risolvibile: non bisogna trascurarla e non c’è ragione di rassegnarsi al fastidio e al dolore.

Ecco perché, se soffri di denti sensibili, ti consigliamo di effettuare una visita di controllo dal tuo dentista di fiducia. Un professionista sarà in grado di individuare le cause dell’ipersensibilità dentinale e programmare un piano di cura.

Innanzitutto, se la sensibilità dentale è provocata da problemi al cavo orale (carie, gengiviti, piorrea ecc.) il dentista dovrà procedere con la cura dei denti interessati.

Successivamente, in base al grado di gravità del disturbo, si potrà intervenire con apposite terapie per denti sensibili, da ripetere all’occorrenza, quali:

  • Fluoroprofilassi o uso di paste dentali rimineralizzanti (in studio o a domicilio)per ripristinare l’integrità dello smalto dentale
  • Applicazione di specifiche vernici o lacche per denti sensibili i cui principi attivi sigillano e proteggono i micro canali dentinali
  • Terapia con laser appositi per la riduzione della sensibilità dentale

Inoltre, il dentista, ti consiglierà specifici dentifrici e collutori per denti sensibili e ti fornirà le indicazioni necessarie a modificare le abitudini quotidiane che favoriscono o aggravano l’ipersensibilità dei denti.

 

Se i denti sensibili ti causano fastidi e dolore, non trascurarli. Preserva la salute della bocca, evita l’inutile rischio di complicazioni e ritrova il sorriso.

E ricorda che gli esperti del sorriso dello studio Dott. Ponchio dentista Locarno sono a tua disposizione per informazioni e consulenze.

Tel +41 91 751 80 87; email info@studioponchio.ch.

 

L’articolo è stato utile? Metti un <3 o condividilo!